Il Consiglio federale presenta l’agenda politica per la legislatura 2019-2023

Berna, 29.01.2020 - Il 29 gennaio 2020 il Consiglio federale ha adottato il messaggio sul programma di legislatura 2019-2023. Esso punta sulla continuità e mantiene i tre obiettivi principali dell’ultima legislatura: prosperità, coesione e sicurezza. Un peso maggiore sarà conferito alla digitalizzazione e alla protezione del clima. Il programma di legislatura contempla anche l’evoluzione a medio termine delle finanze e – per la prima volta – il settore del personale.

Mediante il programma di legislatura il Consiglio federale informa il Parlamento sulla sua agenda politica a medio e lungo termine. Quest’ultima orienta il suo agire e funge da base per il rendiconto annuale che esso presenta al Parlamento.

Il Consiglio federale ha ordinato le sfide politiche dei prossimi anni secondo i seguenti tre indirizzi politici:

1.    la Svizzera assicura durevolmente la sua prosperità e sfrutta le opportunità of-ferte dalla digitalizzazione.
2.    La Svizzera promuove la coesione nazionale e contribuisce a rafforzare la collaborazione internazionale.
3.    La Svizzera si adopera per la sicurezza, si impegna per la protezione del clima e agisce come partner affidabile nel contesto mondiale.

A questi tre indirizzi sono subordinati 18 obiettivi di legislatura e 53 misure (cfr. documentazione per la stampa). Il programma di legislatura funge da strumento strate-gico di condotta grazie alla presenza di indicatori, che sono correlati a 18 obiettivi. Gli indicatori consentono di operare un monitoraggio continuo e di rispondere retroattivamente alla domanda se o in che misura un obiettivo è stato raggiunto.

Nel messaggio il Consiglio federale traccia un bilancio della legislatura 2015-2019. La Svizzera ha alle spalle un buon periodo quadriennale. L’80 per cento delle misure pianificate è stato adottato dal Consiglio federale. Tuttavia vi sono stati anche im-portanti progetti, come la riforma della previdenza professionale, che non sono avanzati in modo sufficientemente celere.

Gli importanti sviluppi all’estero e i rapidi progressi tecnologici non hanno potuto confluire nella pianificazione della scorsa legislatura. I nuovi indirizzi tengono conto di questi sviluppi menzionando esplicitamente gli aspetti della digitalizzazione e del-la protezione del clima. Anche nella nuova legislatura vi sono eventi imprevedibili. Il Consiglio federale si riserva quindi il diritto, se necessario, di scostarsi dalla pianificazione.

Nel programma di legislatura il Consiglio federale fissa anche il piano finanziario di legislatura 2021–2023 (pubblicazione il 17.2.2020). Nei tre anni considerati esso presume che vi saranno disavanzi strutturali. I principi del freno all’indebitamento sono adempiuti. Le incertezze sull’evoluzione futura delle finanze sono comunque elevate. La legislatura inizia all’insegna di un marcato aumento delle spese per la sicurezza sociale.

Il programma di legislatura tiene inoltre conto della Strategia per lo sviluppo sostenibile 2030 e di altre strategie del Consiglio federale (cfr. documentazione per la stampa).


Indirizzo cui rivolgere domande

André Simonazzi
portavoce del Consiglio federale
Tel. 058 462 37 03
andre.simonazzi@bk.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Cancelleria federale
http://www.bk.admin.ch/index.html?lang=it

Dipartimento federale delle finanze
https://www.efd.admin.ch/efd/it/home.html

https://www.efd.admin.ch/content/efd/it/home/dokumentation/nsb-news_list.msg-id-77941.html