Il Consiglio federale intende perfezionare le condizioni quadro per le tecnologie TRD e blockchain

Berna, 27.11.2019 - Nella sua seduta del 27 novembre 2019 il Consiglio federale ha approvato il messaggio concernente il perfezionamento delle condizioni quadro per le tecnologie di registro distribuito (TRD) e blockchain. Con questo progetto intende aumentare la certezza del diritto, superare gli ostacoli posti alle applicazioni basate sulla TRD e arginare i rischi di abusi.

Nel mese di dicembre 2018 il Consiglio federale ha adottato un rapporto concernente le basi giuridiche per le tecnologie di registro distribuito (TRD) e blockchain nel settore finanziario. In questo contesto ha sottolineato la necessità di creare le migliori condizioni quadro possibili che permettano alla Svizzera di continuare a posizionarsi e svilupparsi come centro di punta innovativo e sostenibile per le imprese tecnofinanziarie e per quelle attive nella TRD. Inoltre, intende contrastare in modo efficace gli abusi e preservare l’integrità e la buona reputazione della piazza finanziaria ed economica svizzera.

Il rapporto ha fatto emergere quanto il quadro giuridico svizzero attuale sia già idoneo a gestire nuove tecnologie, inclusa la TRD. Tuttavia, ha anche evidenziato la necessità di intervenire in modo mirato su alcuni punti. Per questo, già nel mese di marzo 2019 il Consiglio federale ha posto in consultazione una serie di adeguamenti di leggi esistenti, rinunciando invece alla creazione di una legge ad hoc per questa tecnologia. Nel quadro della consultazione sono pervenuti circa 80 pareri. In linea di massima i partecipanti hanno accolto favorevolmente le proposte del Consiglio federale.

Il Consiglio federale ha ora approvato il messaggio concernente la legge federale sull’adeguamento del diritto federale agli sviluppi della tecnologia di registro distribuito. Sulla base delle proposte sorte in sede di consultazione il progetto è stato rielaborato e perfezionato in diversi punti. La legge federale in questione, strutturata come atto mantello, prevede adeguamenti mirati in nove leggi federali in ambito di diritto civile e di legislazione sui mercati finanziari. Il Parlamento tratterà il progetto presumibilmente all’inizio del 2020.

Che cosa significano TRD e blockchain?
La tecnologia di registro distribuito (TRD; dall’inglese DLT, ossia «Distributed Ledger Technology») consente una gestione comune dei dati e in particolare una tenuta comune dei registri da parte di utenti partecipanti che non si conoscono o non hanno un rapporto di fiducia. Si tratta essenzialmente di sistemi che permettono una gestione comune di dati basandosi su registri distribuiti. La blockchain è una possibile forma di archiviazione dei dati in un sistema di questo tipo. La TRD consente il trasferimento diretto elettronico di valori tra gli utenti della rete senza che sia necessaria una controparte centrale. Per lo sviluppo della TRD si prevede, sia nel settore finanziario sia in altri settori dell’economia, un enorme potenziale di innovazione e di incremento dell’efficienza. Negli ultimi anni il settore finanziario svizzero ha assistito all’evoluzione di un ricco ecosistema di imprese innovative specializzate in tecnofinanza e blockchain.


Indirizzo cui rivolgere domande

Mario Tuor, capo Comunicazione, Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali SFI
Tel. +41 58 481 34 96, mario.tuor@sif.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale delle finanze
https://www.efd.admin.ch/efd/it/home.html

https://www.efd.admin.ch/content/efd/it/home/dokumentation/nsb-news_list.msg-id-77252.html