La Svizzera e il Regno Unito firmano un accordo in materia di assicurazioni e un accordo sul trasporto stradale

Berna, 25.01.2019 - Il 25 gennaio 2019 il presidente della Confederazione Ueli Maurer ha firmato a Davos un accordo concernente l’assicurazione diretta diversa dall’assicurazione sulla vita con il cancelliere dello Scacchiere britannico Philip Hammond e un accordo sul trasporto stradale con l’ambasciatrice britannica Jane Owen. Tali accordi garantiscono di poter applicare senza interruzioni le norme vigenti in questi ambiti anche dopo l’uscita del Regno Unito dall’UE. A seconda dello scenario di uscita, gli accordi entreranno in vigore alla fine del mese di marzo del 2019 o allo scadere di un periodo di transizione.

A livello giuridico, le relazioni tra la Svizzera e il Regno Unito si basano tra l’altro sugli accordi bilaterali esistenti tra la Svizzera e l’UE. Con la sua uscita dall’UE, tali accordi non saranno più applicabili al Regno Unito. Ciò vale anche per l’Accordo del 10 ottobre 1989 tra la Confederazione Svizzera e la Comunità economica europea concernente l’assicurazione diretta diversa dall’assicurazione sulla vita e per l’Accordo del 21 giugno 1999 tra la Confederazione Svizzera e la Comunità europea sul trasporto di merci e di passeggeri su strada e per ferrovia.

L’accordo tra la Svizzera e il Regno Unito in materia di assicurazioni firmato oggi garantisce di poter applicare senza interruzioni le norme vigenti in ambito di assicurazione diretta. Analogamente a quello stipulato con l’UE in materia di assicurazioni, l’accordo odierno consente alle imprese di assicurazione non vita (ad. es. assicurazioni economia domestica, veicoli a motore, viaggio, responsabilità civile) di aprire e gestire succursali nel Paese di una delle parti contraenti.

Grazie all’accordo tra la Svizzera e il Regno Unito sul trasporto stradale, per il trasporto di merci su strada si potranno ancora compiere viaggi tra i due Stati o transitarvi senza permessi speciali. Inoltre tale accordo garantisce l’accesso reciproco per il trasporto di merci e di passeggeri su strada nonché di mantenere basso l’onere amministrativo. Il cabotaggio (il trasporto nazionale di merci e di passeggeri sul territorio dell’altro Stato) continua a non essere ammesso. L’accordo rinvierà inoltre al diritto nazionale di entrambi gli Stati, per la Svizzera ad esempio vigeranno il divieto di circolare la notte e la domenica e il limite di 40 tonnellate previsto per gli autocarri. Contrariamente all’Accordo sui trasporti terrestri tra la Svizzera e l’UE, il presente accordo non disciplina più il trasporto ferroviario, ma unicamente quello stradale. Il trasporto ferroviario tra la Svizzera e il Regno Unito è regolato in modo sufficientemente esaustivo negli accordi internazionali.

Considerando l’evoluzione della situazione tra Regno Unito ed UE, attualmente si prospettano due possibili scenari per l’entrata in vigore dei due nuovi accordi tra la Svizzera e il Regno Unito:

-       uscita ordinata del Regno Unito dall’UE: se venisse stabilito un periodo di transizione per regolare le relazioni tra il Regno Unito e l’UE, gli accordi bilaterali tra la Svizzera e l’UE continuerebbero ad applicarsi anche al Regno Unito presumibilmente fino al termine della fase di transizione. Ciò si verificherebbe anche per l’Accordo in materia di assicurazioni e per l’Accordo sui trasporti terrestri tra la Svizzera e l’UE. Gli accordi firmati in data odierna tra la Svizzera e il Regno Unito entrerebbero quindi in vigore soltanto allo scadere del periodo di transizione;

-       uscita non ordinata del Regno Unito dall’UE: se il 29 marzo 2019 dovesse verificarsi lo scenario di un’uscita non ordinata, i nuovi accordi tra la Svizzera e il Regno Unito in materia di assicurazioni e sul trasporto stradale entrerebbero in vigore il 30 marzo 2019, poiché a partire da tale data gli accordi tra la Svizzera e l’UE non sarebbero più applicabili nelle relazioni bilaterali tra la Svizzera e il Regno Unito.

I nuovi accordi fanno parte della strategia «Mind the gap» del Consiglio federale, che nel mese di ottobre del 2016 ha deciso di mantenere, ed eventualmente estendere, gli attuali diritti e obblighi reciproci con il Regno Unito al di là della data della Brexit. Nel frattempo, il Consiglio federale ha approvato a tale scopo diversi altri accordi, ad esempio nel settore del traffico aereo nonché delle relazioni economiche e commerciali. Un altro accordo approvato dal Consiglio federale concerne i diritti dei cittadini svizzeri che già risiedono nel Regno Unito (e viceversa).

Il Dipartimento federale delle finanze (DFF) e il Dipartimento del Tesoro britannico hanno preso atto della sottoscrizione dell’Accordo in materia di assicurazioni tra la Svizzera e il Regno anche in una dichiarazione congiunta.


Indirizzo cui rivolgere domande

Accordo in materia di assicurazioni
Frank Wettstein, co-responsabile Comunicazione
Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali SFI
Tel. +41 58 462 38 56, frank.wettstein@sif.admin.ch

Accordo sul trasporto stradale
Ufficio federale dei trasporti UFT, Servizio stampa
Tel. +41 58 462 36 43, presse@bav.admin.ch



Pubblicato da

Dipartimento federale delle finanze
https://www.efd.admin.ch/efd/it/home.html

Ufficio federale dei trasporti
https://www.bav.admin.ch/bav/it/home.html

https://www.efd.admin.ch/content/efd/it/home/dokumentation/nsb-news_list.msg-id-73761.html